L’industria del turismo a Koh Samui

Il nuovo paradiso terrestre

Koh Samui è la seconda isola della Thailandia. In Italia sta divenendo sempre più popolare come meta turistica, anche il turismo internazionale è florido e sempre crescente: orde di stranieri giungono da ogni parte del mondo per godersi le sue meravigliose spiagge e per vivere il folclore locale trascorrendo una indimenticabile vacanza al mare.

Non  è un caso che la reputazione di Koh Samui, di nuovo paradiso tropicale, la equipara alla ben più nota isola di Bali in Indonesia. Se c’è una cosa che qui è assolutamente fattibile è una vacanza di lusso.

La spiaggia bianchissima di Koh Samui

Locali, resort e negozi alla moda hanno avuto un crescente sviluppo soprattutto dallo scorso anno, mentre gli hotel più economici sono andati via via sempre più scomparendo.

Bill Barnet, consulente di hotel con sede in Thailandia, ha dichiarato che ormai a Koh Samoi trovare un hotel economico è pressoché impossibile, che bisogna invece recarsi nelle destinazioni vicine di Koh Tao e Koh Pha Ngan  e che gli enti turistici locali dovranno fare oggi uno sforzo maggiore per soddisfare una clientela sempre più vasta ed accontentare una fascia di turisti più ampia.

Aggiunge inoltre che è uno sbaglio improntare tutta l’industra del turismo su un’esclusività destinata a soli pochi facoltosi, cercando di emulare le più note Maldive; oltre che una realtà territoriale diversa, la popolarità dell’isola oggi deve assolutamente dare spazio anche a situazioni meno di nicchia.

Il mare stupendo di Koh Samui

A cominciare dall’aeroporto, che oggi non soddisfa assolutamente, per ricezione e capienza, la continua richiesta delle compagnie aeree, non è organizzato a sufficienza per dare assistenza e buona accoglienza al numero di turisti che aumenta sempre più ogni anno, e per di più è monopolizzato dalla unica azienda thailandese della Bangkok Airways, la sola a gestire l’intero traffico aereo dell’isola a prezzi a dir poco esorbitanti.

Barnet sostiene anche che un volo da Bangkok a Phuket è più economico di uno per Samui: la differenza è quasi la metà e questo sottolinea come Samui sia ancora una destinazione molto poco accessibile.

La bellezza di Kho Samui, le sue tradizioni e la sua storia oggi meritano davvero un trattamento diverso, tanto che, nonostante i vari impedimenti burocratici e la gestione quasi esclusiva in mano a pochissime persone, le autorità locali stanno facendo grossi sforzi per rendere questi luoghi famosi e popolari almeno come la rinomatissima Phuket.

L'acqua cristallina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *